Condizionatori portatili

Scegli
Ordina per
  • Pagina 1 / 4
72 Risultati per "Condizionatori portatili"
Filtro e ordinamento
  • Pagina 1 / 4

Condizionatori portatili


Condizionatore portatile: il fresco che ti accompagna sempre

Come fare per resistere nel migliore dei modi alle torride temperature dell’estate? Con l’arrivo del primo caldo, arriva anche il momento di dotare la tua casa o ufficio di un sistema di aria condizionata, ma spesso la scelta del migliore dispositivo è complessa a causa delle numerose possibilità a disposizione. In termini di performance e consumi, la scelta migliore è rappresentata da un condizionatore senza tubo, ovvero, un climatizzatore split che monta il motore all’esterno e una o più unità all’interno: questa tipologia di condizionatore richiede tuttavia un intervento d’installazione eseguito da un tecnico, facendo salire i costi, e non è sempre possibile, implicando un intervento radicale di ristrutturazione.

Se non vuoi o non puoi investire in un condizionatore d'aria split ma hai comunque il problema di sbarazzarti del calore il prima possibile e sai che un ventilatore non sarà sufficiente, la scelta più intelligente è optare per un condizionatore portatile. Se vivi in un appartamento in affitto, in un edificio che impedisce la ristrutturazione di muri esterni, o se non vuoi spendere tempo e denaro per rinnovare la tua casa, un condizionatore portatile soddisferà infatti le tue esigenze con un ottimo rapporto qualità-prezzo.

Un sistema di aria condizionata portatile è molto più facile - e meno costoso - da installare e usare, oltre a essere mobile e indipendente, e quindi adatto all’utilizzo in diverse stanze della tua casa. È vero che si tratta di dispositivi più rumorosi e meno potenti rispetto a un tradizionale condizionatore split, ma se vivi in un appartamento o lo utilizzi in ambienti più piccoli, rappresenta una soluzione efficace per combattere il caldo e godere di un’aria sempre alla giusta temperatura.

Come funziona un climatizzatore portatile?

Fondamentalmente un condizionatore portatile funziona allo stesso modo dei modelli convenzionali, ovvero, trasformando l’aria calda in aria fredda; anche se l’installazione e il principio di funzionamento è più semplice, è comunque un dispositivo che ha bisogno di qualche adattamento nell’ambiente in cui opera. Perché funzioni correttamente, infatti, è necessario posizionarlo vicino a una finestra, e usare un tubo flessibile di scarico che permetta al dispositivo di espellere l'aria calda all'esterno della casa, aumentando il freddo all'interno.

Poiché un condizionatore rimuove l'umidità dall'aria come gli altri modelli di climatizzatori, esso raccoglie anche l'acqua. A differenza dei condizionatori split tradizionali, in cui l'acqua viene portata al condensatore, nei modelli portatili essa si accumula al suo interno, in un serbatoio o vassoio interno che va regolarmente svuotato. Alcuni modelli di climatizzatore portatile possono accumulare internamente fino a 20 litri di acqua. Una volta riempito il serbatoio interno, l’apparecchio si spegne per consentire lo svuotamento del serbatoio e il ritorno al normale funzionamento.I modelli più attuali hanno già una tecnologia intelligente e l'acqua accumulata viene utilizzata dal dispositivo stesso, quindi non ci si deve nemmeno preoccupare dello smaltimento.

Come scegliere il condizionatore portatile con la giusta potenza?

Al momento dell’acquisto di un condizionatore portatile, molti sono in dubbio in merito alla quantità di BTU necessarie per il condizionamento dell'aria e per raffreddare l'ambiente in modo soddisfacente, finendo per acquistare il dispositivo più potente che si possa trovare. Spesso solo dopo si scopre che si è sovradimensionato l’impianto e che si sta sprecando energia senza necessità.

L'acronimo BTU sta per British Thermal Unit, e si riferisce alla quantità di freddo necessaria per ridurre la temperatura di mezzo litro d'acqua a 0,56 ºC. In generale, per un raffreddamento efficace, si utilizzano 600 BTU per ogni metro quadrato in stanze che ricevono poca luce solare durante il giorno, e 800 BTU per metro quadrato per le stanze fortemente esposte al sole. Questo valore è comunque indicativo, giacché la resa effettiva di un condizionatore portatile dipenderà anche dalla qualità dell’isolamento termico complessivo dell’appartamento.

Ci sono anche altri fattori da considerare, come il numero di apparecchi elettronici e lampade nella stanza, il numero di finestre e tende, e anche il viavai più o meno intenso di persone. Puoi usare questa tabella come riferimento per calcolare quante BTU ti servono per il tuo ambiente e, naturalmente, quale aria condizionata portatile è più adatta alle tue esigenze.

area della stanza residenziale commerciale
fino a 9 mq 7000 BTU 7000 BTU
12mq 7000 BTU 8000 BTU
15 mq 9000 BTU 12000 BTU
20 mq 12000 BTU 162000 BTU
25 mq 15000 BTU 20000 BTU
30 mq 18000 BTU 24000 BTU
35 mq 21000 BTU 28000 BTU
40 mq 24000 BTU 32000 BTU
60 mq 36000 BTU 48000 BTU

L’importanza di un condizionatore portatile silenzioso

Quando scegli il miglior condizionatore portatile per le tue esigenze, è importante prestare attenzione al rumore generato dal dispositivo; dopo tutto, riusciresti a goderti il fresco e mentre ti riposi la notte, o ti concentri mentre stai lavorando, in presenza di un rumore forte generato dal dispositivo?Assicurati di controllare il rumore emesso dal condizionatore d'aria prima dell'acquisto, o almeno di controllare la valutazione di altri utenti che hanno già acquistato lo stesso modello. Il suono generato dai condizionatori portatili può raggiungere i 60 decibel, ma a seconda del modello e delle caratteristiche tecniche, alcuni apparecchi riescono a minimizzare le emissioni acustiche in maniera significativa.

Aria fredda e calda con il condizionatore portatile inverter

Così come la maggior parte dei tradizionali condizionatori split, anche alcuni modelli di climatizzatori portatili funzionano non esclusivamente in modalità raffreddamento, ma essendo dotati di funzionalità inverter, grazie alla pompa di calore possono emettere sia aria fredda che calda. Per questo motivo rappresentano una soluzione estremamente versatile da usare anche una volta finita l’estate, all’arrivo dei primi freddi quando magari i riscaldamenti non possono essere ancora accesi per legge. Per questo motivo, può essere importante considerare quali temperature offre l'aria condizionata, dopo tutto, se per un prezzo accessibile è possibile avere un apparecchio con entrambe le temperature, il vantaggio è solo tuo.

Accedi
Inserire l'indirizzo e-mail.
Inserire almeno 6 caratteri.
Accedi
Inserire l'indirizzo e-mail.
Inserire almeno 6 caratteri.